domenica 24 febbraio 2013

I fagottini al cioccolato ... dal cuore al forno e poi di nuovo al cuore!

Riuscirò a coccolarlo sin dalla prima mattina … ?

Il fagottino al cioccolato

Aprire un solo occhio perché l’altro sta ancora sonnecchiando e accorgersi di percepire un aroma fragrante dolce, appagante, di vaniglia e cacao, sembra … eppure, non sto mica dormendo in una pasticceria? Avvolgersi nella vestaglia e decidere di scendere in cucina col passo insicuro di chi si è appena svegliato ma allo stesso tempo curioso per vedere quale sorpresa  lo aspetta. E trovare me accucciata di fronte al forno, con sguardo soddisfatto, in attesa che si completi la doratura. Perché la coccola sta anche nei profumi e nei sapori. Questo mi piace immaginare quando preparo i miei fagottini al cioccolato, e ogni volta mi si scalda il cuore.

Parentesi brutale per una necessaria  avvertenza: dimenticatevi di alzarvi una mattina e decidere di preparare i fagottini per la colazione di quel giorno! La preparazione  è lunga e soprattutto la lievitazione richiede molte ore. Preparateli almeno 2 giorni prima, e poi li potrete conservare nel freezer per poi  scaldarli nel forno al momento opportuno con lo stesso gustoso risultato.

Innanzitutto prepariamoci a impastare la pasta sfoglia per cornetti. Per farlo, pesiamo i seguenti ingredienti:

200 gr di burro
340 gr di farina
15 gr di lievito di birra
40 gr di zucchero
4 tuorli d’uovo
100 gr di latte
un pizzico di sale
una tavola di cioccolato fondente

L'impasto lievitato 

Impastiamo prima di tutto il burro, dopo averlo lasciato ammorbidire, con 60 gr di farina. Formiamo un panetto rettangolare e rimettiamolo in frigo. Poi setacciamo il resto della farina e uniamovi il lievito sbriciolato, il latte, i tuorli d’uovo, lo zucchero e il pizzico di sale. Impastiamo fino a ottenere un composto bello elastico e poniamolo in frigorifero. Il miglior consiglio a questo punto è di riprendere a lavorare a questa ricetta solo dopo circa 10 ore. Questo perché lasciare lievitare l’impasto in frigo molto lentamente, aiuta ad eliminare il sapore tipico del lievito di birra. Quindi, trascorso il tempo utile, riprendiamo i due panetti. Stendiamo con il mattarello quello con il lievito di birra fino a formare una sfoglia di circa 2 cm. Poniamo nel mezzo il panetto di burro e ripieghiamovi sopra la sfoglia coprendolo bene. Riprendiamo il mattarello e ristendiamo la sfoglia. A questo punto dobbiamo ripiegare la pasta: prendiamo un lembo, pieghiamolo su se stesso portando il suo margine al centro. Facciamo la stessa cosa con il lembo opposto – adesso i due lembi si “baciano” al centro della sfoglia. Adesso ripieghiamo un’altra volta, sul lato lungo, come se fosse un libro. Prendiamo il mattarello e stendiamo di nuovo la pasta. Ripetiamo l’operazione, dopo di che riponiamo il tutto in frigo per circa 2 ore.
 
Il confezionamento
 
Finalmente l’impasto è pronto per i nostri fagottini! Stendiamolo nuovamente e ritagliamo dei rettangoli grandi più o meno quanto una cartolina postale (eh sì, io ne tengo una a portata di mano, solitamente è natalizia, spedita da qualche parente dalla Finandia …). Ricoprite uno dei lati più corti con dei pezzi di cioccolato, ripiegate quel lato quanto basta per coprire il cioccolato, spargete dell’altro cioccolato (COME IN FOTO) dopo di che ripiegate il tutto facendo attenzione che il bordo finale vada a finire sotto il fagottino.

Sbattete leggermente un uovo con un cucchiaino di zucchero e spennellate i fagottini posizionati sulla leccarda del forno. Ci siamo quasi …!!! Infornate per circa 20 minuti a 180° e … iniziate a godervi il profumo che tra poco aleggerà in tutta la casa e assaporate il momento in cui addenterete il vostro fragrante fagottino traboccante di cioccolato fuso :)
 


 
 
Con questa ricetta, partecipo per la prima volta a un contest! A quello di L'Aroma del Caffè, La cucina del cuore
 
 


 

2 commenti:

  1. che bel blog, mi sono unita ai tuoi lettori, passa a trovarmi se vuoi:
    www.dolcementeinventando.com

    RispondiElimina
  2. Ma certo Ale! Con un po' di ritardo, ma ... fatto :)

    RispondiElimina